Benvenuto

Benvenuto su questo blog!

domenica 7 ottobre 2012

Il particolare stile del Typikon bizantino

Nel post precedente ho presentato un blog parallelo a questo: La Domenica Bizantina. Attualmente in quel blog si trovano le parti variabili della Divina Liturgia domenicale fino a dicembre compreso.

La redazione di questo materiale, unico in Italia e rarissimo altrove, sopperisce come  può alla mancanza del famoso "messalino" o Prosefchitarion fatto dal papas Damiano Como, libro oramai introvabile.

L'esame attento del materiale liturgico disposto dal Typikon della Chiesa greca è molto utile per conoscere la mentalità con il quale è stato ordinato.

In breve si può dire che il Typikon (l'insieme delle "rubriche" o regole liturgiche) segue gli schemi tradizionali ma non è mai schiavo di essi.
In tal modo, per quanto esista una sequenza fissa di domeniche del tempo ordinario (dette di san Matteo e di san Luca) nelle quali ci sono determinate coppie di letture fisse (Apostolo e Vangelo), può succedere che questa coppia non sia rispettata.

Ci troviamo, allora con un Vangelo proprio di una domenica ordinaria ma con una epistola apostolica totalmente differente. Una spiegazione è data dal fatto che l'epistola commenta la festa di un santo che cade in quel particolare giorno. 

A volte, invece, è la sequenza numerica delle letture (delle domeniche di Matteo o di Luca) a non essere rispettata e una domenica ordinaria salta per far posto a qualcos'altro per poi ripresentarsi molto dopo. Un esempio di numerazione è: 3, 4, 5, 7, 8, 9,10, 6. Questo, che può parere disordinato ad una mentalità latina, ha una sua logica e non  avviene casualmente. 

Un altro particolare degno di nota: non esiste un tempo specificamente consacrato all'attesa del Natale, una specie di "Avvento bizantino". Il tempo immediatamente precedente al Natale è contrassegnato da tropari (ad esempio cambia il Theotokìon e si canta diverso tempo prima di Natale quello natalizio). 

I tropari (Apolitikion Kondakion e Theotokion) hanno la particolare funzione di classificare le domeniche ordinarie negli otto toni liturgici e di annunciare feste particolari o di celebrare le stesse. Un altro elemento molto interessante è la commemorazione di tutti i giusti prima di Cristo, giusti che, come nel caso dei Profeti veterotestamentari, sono commemorati col titolo di "santo", cosa non praticata in Occidente.

La Divina Liturgia (La Messa) ha solo letture neotestamentarie. La ragione è data dal fatto che la Divina Liturgia rappresenta simbolicamente l'avvento del nuovo patto, della nuova Alleanza stabilita da Dio in Cristo. La Liturgia, dunque non può contenere ciò che è l'ombra o il semplice annuncio a tale nuova Alleanza. Il luogo princeps per le letture veterotestamentarie è, dunque, il Mattutino o, prima, il Vespero, che rappresentano il cammino della Chiesa verso la pienezza rappresentata da Cristo.
Si dice ciò anche se, anticamente, la disposizione prevedeva delle letture vetero-testamentarie pure nella liturgia eucaristica.
Questa disposizione tradizionale esisteva anche nel Messale Romano, prima che la riforma attuata cinquant'anni or sono ne cambiasse radicalmente le scelte per ragioni essenzialmente pastorali, com'è stato giustificato.

Ad una prima lettura, dunque, l'anno liturgico bizantino risulta essere molto flessuoso, rispetto alla ieratica rigidità di quello latino tradizionale, e compone in sé il rispetto per la norma liturgica e l'adattamento della stessa a tempi e circostanze differenti.

E' questa capacità di adattamento che ha fatto mantenere fino ai giorni nostri una liturgia la cui identità sostanziale si è fissata attorno all'XI secolo.

 

5 commenti:

  1. Io trovo il lavoro realizzat da Papas Como un vero capolavoro di fede e devozione. A caro prezzo ne ho trovato uno; ma la cosa che fa rabbia è che nel suo paese ne tengono chiusi in una stanza a centinaia. Peccato che pioggia prima( infiltrazioni dal tetto) e muffa poi li abbiano resi inutilizzabili.
    Caro Pietro, perchè non impegnarci a rieditarlo?

    RispondiElimina
  2. La mia assenza dal blog da qualche mese è motivata proprio dal fatto di tentare di fare qualcosa di serio al proposito.
    Fino ad ora è uscito qualcosa di realmente elegante e carino. Lo pubblicheranno? Ecco il dilemma!
    Il problema non è la fatica di fare testi simili (il testo di papas Como è encomiabile ma ha moltissimi limiti che bisogna assolutamente superare) ma l'ambiente ecclesiale che abbiamo davanti a noi.
    Da parte ortodossa c'è diffusa ignoranza e insensibilità (a meno che non si parli di soldi e di vantaggi materiali), da parte cattolica ci sono ancora moltissime precomprensioni, ignoranze, gente tutta tesa a curare il proprio piccolo campanile, ecc.
    In fondo anche da questo aspetto si vede l'immagine della nostra Italia che potenzialmente avrebbe molte possibilità ma poi, concretamente, s'impantana in un nonnulla.
    L'unica cosa, al momento, è fare qualcosa di positivo per sé e poi se altri arrivano che siano i benvenuti, basta che abbiano pure e ottime intenzioni!

    RispondiElimina
  3. C'è una cosa che vorrei aggiungere:

    anni fa, quando studiavo teologia, mi feci arrivare la Divina Liturgia, un testo in greco-italiano edito da Grottaferrata, nientemeno che nel 1967. Oggi quel testo è introvabile.
    Quando mi giunse, un sacerdote responsabile si preoccupo' e mi disse chiaramente: "Che ne fe fai DI QUELLA ROBA?".
    Questa domanda esprime bene il pregiudizio del clero del cosiddetto "rito latino" (o rito moderno, direi più appropriatamente).
    Per la maggioranza di loro, i riti orientali sono cose esoteriche, forse più simili ad un rituale di magia che ad un rito cristiano.
    Con queste "ragnatele mentali" che poi si intessono anche nelle menti di molti gerarchi ecclesiastici, dove pensiamo di andare in Italia?
    E' ovvio che queste cose possono sembrare "strane" e per gente "strana" in cerca di cose "strane".
    Una minoranza ne conosce il valore, anche se tende a vederle con la lente romantica che tutto distorce, la lente del "oh che bello!" tanto per capirci.
    La liturgia orientale sarebbe, dunque, solo qualcosa di "bello", qualcosa che si esaurisce nella pura categoria dell'estetica e lì muore atrofizzandosi...

    In questo modo queste venerabili liturgie vengono isolate ai più in una specie di "ghetto" mentre impera la splendida mediocritas che ci circonda tutti...

    RispondiElimina
  4. Buongiorno,

    vorrei prendere la consuetudine di leggere l'Antico Testamento e il Nuovo Testamento in diversi momenti della giornata. Mi sembra che lei consigli l'Antico Testamento quando non c'è il sole e il Nuovo Testamento quando c'è il sole; sbaglio? Vorrei basarmi non solo sull'uso bizantino, ma, se esiste, sul consenso della tradizione. Inoltre vorrei anche sapere se c'è un momento privilegiato per la lettura dei Padri della Chiesa e degli autori monastici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non dico esattamente questo. Per quanto riguarda quali letture fare e con quali tempi si faccia consigliare da qualcuno in grado di seguirla nel suo cammino cristiano.

      Elimina

Si prega di fare commenti appropriati al tema. Ogni commento irrispettoso o fuori tema non verrà pubblicato.