Benvenuto

Benvenuto su questo blog!

martedì 14 giugno 2016

Il concilio pan-ortodosso e i soloni occidentali

Il super pubblicizzato concilio “pan-ortodosso” che doveva tenersi dalla domenica di Pentecoste 19 giugno, secondo il calendario ortodosso, sta affondando miseramente. Sessant'anni di preparazione non sono stati sufficienti a dargli stabili basi sulle quali potersi appoggiare.
Ho assistito in silenzio alla kermesse preparatoria, alla proposta di documenti che, in troppi ambiti dell'Ortodossia hanno fatto quasi gridare allo scandalo. Con tempra forte e determinata, il patriarca Bartolomeo ha cercato di portare la nave nella direzione intrapresa ma da essa l'equipaggio pian piano è disceso scappando via sulle scialuppe di salvataggio.
Si dice che il fallimento di questo “super concilio” sia dovuto a rivalità giurisdizionali, al fatto che tra patriarcati ci si ruba territori e popolazioni (*). In parte sarà vero ma, ad essere sinceri, rivalità di tal genere sono più o meno sempre esistite nell'Ortodossia dove un patriarca è “papa” a casa sua ed è perfettamente uguale, in termini di potere giurisdizionale, ad un altro patriarca. Neppure il primo tra pari, Bartolomeo, può fare molto per ordinare una certa generale caoticità esistente da sempre nell'Ortodossia.
Se non è stato tanto questo a far fallire questo “super concilio” cos'altro lo ha fatto fallire?
A mio modesto avviso il fallimento è dato dal sospetto degli ambienti ortodossi più tradizionali verso determinati aperturismi proposti nei documenti preparatori a Chambesy. Questi aperturismi, per quanto prudenti, tendono però ad inclinare il piano, ad “addomesticare” l'Ortodossia a livello di ogni altra confessione cristiana suggerendo, forse, che è solo la versione orientale del Cristianesimo.
Giusto o sbagliato che sia tutto ciò, la cosa più antipatica è stata il tentativo di far passare questi concetti nonostante le critiche sempre maggiori provenienti dall'interno dell'Ortodossia. Sempre più monaci ripetevano: “Purtroppo questo concilio si farà!” (Ora saranno felici, visto che forse non si farà più!). Altri chierici dicevano: “Non mi parlate di questo concilio!”, come fosse un evento nefasto. Sì, ho capito che a livello diffuso si stava moltiplicando l'antipatia verso il “super-concilio”. Ciò non tanto per la paura di una novità, quanto perché questa novità è stata camuffata e imposta, incuranti delle critiche provenienti ovunque.
Nell'Ortodossia, in sede conciliare, non hanno senso le imposizioni ma la partecipazione a tutto il corpo della Chiesa di quanto si discute. Se ciò non avviene, il Concilio è inevitabilmente destinato ad essere sconfessato dal corpo della Chiesa stessa. È quanto infatti si sta profilando.

Sapendo ciò, sono dunque stato irritato dalla lettura ideologica e speciosa che certi soloni in Italia hanno voluto dare dell'evento preparatorio al concilio. Per qualcuno di essi (tal “professor” Riccardi), la colpa è dei russi che hanno fatto fallire tutto poiché – egli dice – essi hanno una visione “imperialistica” di Ortodossia.

A me questo argomentare sembra assai specioso, utile a fuorviare l'attenzione dal vero problema. Infatti in sostanza sembra dire: "Il buon Bartolomeo ha tentato di aggiornare l'Ortodossia mettendola al passo con i tempi com'è successo nel Cattolicesimo ma il cattivo russo gliel'ha impedito". Banale, infantile, e umilia pure l'intelligenza di chi lo legge! Per giunta se si fa un discorso del genere si inocula pure la divisione in una Chiesa...

Mi chiedo: questo professore in nome di chi parla? In nome dell'Ortodossia non credo, dal momento che non è ortodosso e, da quanto mi risulta, nessun gerarca ortodosso gli ha dato il permesso di parlare di casa sua. In nome del Cattolicesimo? In nome di qualche obbedienza massonica di cui cura gli interessi?

Come sarebbe fastidioso sentire mani estranee nelle proprie parti intime, così mi pare particolarmente fastidioso questo commento!
Al contrario di quanto dice tal solone, mi sembra molto più vero quanto ho sopra riferito: i documenti proposti da Bartolomeo (e confezionati a Chambesy) sono parsi un tentativo di incorporare, nell'aleveo del pensiero ortodosso e in salsa ortodossa, principi propri al modernismo occidentale (o alla massoneria?).

Premetto che non ho nulla contro la massoneria ma sono convinto che ognuno deve stare a casa sua, la Chiesa dev'essere libera di essere se stessa e di non farsi comandare da centri di potere che non la riguardano e mai la riguarderanno, anche se certi suoi chierici si fanno attrarre da essi...

Perdonatemi, ma sono critico: Riccardi dice che Mosca è imperiale. Ma Costantinopoli forse non lo è? Il modo sommario e spicciaticcio d'imporre dei documenti visti e approvati solo dai primati e non da tutta la Chiesa, su direttiva di Bartolomeo, non è imperialismo? E se non è imperialismo questo cos'altro è?
La verità è che ci sono almeno due schieramenti nel mondo ortodosso: uno che cerca di suonare all'unisono, come può, con la sensibilità del mondo attuale (che prevede un antropocentrismo sempre più spinto) e un altro che sembra segnato da una sensibilità "retrograda" (a detta di persone come Riccardi) ma è forse più evangelico e ha dunque timore di certi aperturismi. Allora, visto che Mosca non è favorevole al metticciamento religioso-culturale occidentale, i soloni le sparano contro. 

Non scandalizzatevi ma per me quel "professore" che parla sull'Ortodossia (dimostrando di NON conoscerla!) conta meno del due di picche. Da quando in qua l'Ortodossia ha bisogno di essere illustrata da "soloni" di tal genere?


Purtroppo in Italia, dove centri di potere ben organizzati e stabiliti indicano all'acritico popolo quale sia la verità, ci saranno sempre bisogno di persone estranee a certi ambienti per parlare di tali ambienti. È come se io, che non ho mai visitato l'Antartide e non so cosa sia, mi presentassi “esperto” di pinguini e li descrivessi. Che presunzione!
In Italia, di fatto, succede questo e gran parte del popolo ci cade come una pera matura, plaudente e ingenuo.
In Italia la verità non ha importanza, quello che conta è darne una versione utile ai fini di certi centri di potere che hanno sempre obbiettivi molto concreti e ben poco spirituali ...

__________

Nota

(*) Ad oggi, due patriarcati ortodossi non sono in comunione tra loro per beghe giurisdizionali: Gerusalemme ed Antiochia. Incurante di ciò, il centro organizzatore di questo superconcilio premeva perché i due patriarchi concelebrassero nella liturgia di Pentecoste. Cercare d'imporre una unità fra tutti i patriarcati, facendo concelebrare questi due Patriarchi, da la nefasta impressione che la comunione ecclesiale debba essere confessata formalmente, non realmente! A questo punto, la fede stessa non diviene cosa formale? E tutto ciò non sembra, forse, un agnosticismo pratico applicato proprio dai centri organizzativi di questo superconcilio? Allora, se non alla fede, costoro a cosa o a chi obbediscono? Sono solo semplici domande che possono sorgere nel cuore di ogni cristiano che non ha ancora perso i riferimenti tradizionali (come ovunque oramai è accaduto)... 

5 commenti:

  1. Anche il Concilio pan Ortodosso si è rivelato un'occasione per dar contro alla Russia! Ridicolo!
    Detto questo, è positivo che il Concilio non si faccia visto che c'era il rischio concreto che portasse a cambiamenti drastici come è stato il CV2 in àmbito Cattolico. Sono altresì convinto che il cambiamento verso il relativismo, come nella Chiesa Cattolica, sia spinto dalle forze democratiche e mondialiste d'oltreoceano e di Bruxelles..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono convinto pure io di questo! Ci sono forti pressioni in tutte le Chiese per addomesticarle ad un ordine mondiale prestabilito di cui esse dovrebbero essere le serve. A me, personalmente, non interessa essere contro qualcuno per partito preso ma sono assai infastidito quando qualcuno, che neppure conosco, detta ordini in casa mia, a mia insaputa e per fini a me sconosciuti.
      Non mi interessa sparare contro nessuno, neppure contro la massoneria che, nel suo ambito, può avere pure fini benefici. Ma se società più o meno segrete, o la massoneria stessa (alle cui obbedienze sono sottomessi diversi alti prelati sia cattolici sia ortodossi) inizia ad intromettersi nelle questioni di Chiesa io mi irrito perché mi sento mettere "le mani nelle mutande"!
      Come me dovrebbe irritarsi qualsiasi cristiano (cattolico o ortodosso che sia) perché è realmente in atto un assedio e un'infiltrazione inaudita con alterazioni che trascendono totalmente ogni tradizionale concetto di ortodossia ed eresia.
      I cambiamenti in atto nel cattolicesimo, lo vedono coloro che hanno la libertà di vederlo, sono talmente radicali e sostanziali, seppur fatti passare per pure posizioni pastorali, che siamo dinnanzi ad un'altra religione e, oserei dire, a una "non-religione" poiché il fine della religio è quello di collegare l'uomo con il divino, non di cortocircuitarlo su se stesso con motivi apparentemente religiosi.
      Solo 100 anni fa un'alterazione così drammatica e penosa del Cattolicesimo avrebbe fatto gridare e piangere non poche persone. Oggi, prelati in testa, si tende pure ad applaudire e a dire che, in fondo, tutto va bene quando invece è tutto storto e capovolto...

      Elimina
    2. ... Nell'Ortodossia ci sono ancora molte cellule vive che reagiscono a tutto ciò perché sanno che l'unico tesoro della Chiesa è la sua capacità di collegare l'uomo al Cielo e se le viene tolto questo è stato tolto tutto. Centri prevalentemente amministrativi, come il Fanar al cui capo c'è il patriarca Bartolomeo, non sono tanto preoccupati dell'aspetto spirituale (per quanto facciano ad esso appello) ma ad aspetti materiali e di sopravvivenza. Sono preoccupati ad espandere il loro potere e ad avere appoggi (forse anche fuori dalla Chiesa) pur di ottenerlo. Ma nulla viene dato con nulla e tutto ha un prezzo. Chi da fuori aiuta, poi detta un'agenda: dovete adattarvi al mondo, non dovete criticare questo e quello, dovete pian piano cambiare la vostra Chiesa, ecc.
      Non sono, queste, fantastorie ma possibili scenari che già sono avvenuti nel Cattolicesimo e si stanno manifestando pure nel mondo ortodosso.
      Che uno "storico" del Cristianesimo, come Andrea Riccardi, travisi la realtà fino a far sembrare cattivi i russi (che pur con i loro limiti sono un ostacolo a certi cambiamenti inquietanti) e buono Bartolomeo, è cosa che mi infastidisce assai.
      A breve mettero' alcune traduzioni (da documenti del Sinodo della Chiesa di Antiochia e di quella Serba) dove si vede dove realmente stanno i torti e le ragioni.
      Grazie dell'attenzione.

      Elimina
  2. A mio modo di vedere il problema di fondo è semplice: l'ignoranza!
    Le domando: un medico generico di famiglia puo'criticare la diagnosi di un equipe di oncologi?
    La risposta e': molto difficilmente! Perché questo esempio? Il medico di famiglia pur conoscendo la medicina si affida a un pool di esperti plurispecializzati su un campo più specifico dove anche il medico generico puo'avere forme di ignoranza! Questo è il problema. Se io pur essendo "religioso" non conosco la specificità del mondo ortodosso perché non l'ho studiata a fondo e non la vivo, come faccio a sparare giudizi e sentenze su qualcosa che semplicemente ignoro? Questa mi sembra è una caratteristica tipicamente italiana. Non conoscere, ignorare e nonostante tutto CRITICARE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti! Vedasi il mio ultimo post... D'altronde se in rete ci sono siti dal nome "il giudizio cattolico" (che dicono già tutto dalla denominazione), che ci si può aspettare?

      Elimina

Si prega di fare commenti appropriati al tema. Ogni commento irrispettoso o fuori tema non verrà pubblicato.