Benvenuto

Benvenuto su questo blog!

giovedì 1 giugno 2017

L'ultima intervista a Steven Runciman

Sir Steven Runciman (1903-2000) è stato il più illustre bizantinista del XX secolo. Tra le sue opere, spicca la "Storia delle Crociate". Qui si ha qualche notizia in più sulla sua persona e sulla sua carriera accademica. La presente intervista, l'ultima prima della sua morte, è stata registrata dalla redazione di Pemptousa, che amministra un sito internet greco e fa riferimento ad un monastero atonita (vedi qui).

Pemptousa: Quando siete venuto nel Monte Athos? 

Sir Steven Runciman: Avvenne nel 1936 quando ero in viaggio su un battello verso Kavala, battello che si accostava ad una delle rive atonite. I monaci ci si avvicinarono su barche con l'intenzione di aiutarci. Avrei potuto scendere a riva, ma il capitano della nave insistette di continuare a navigare contro la nostra volontà verso Kavala e dunque mi fermò. Mi innervosii contro di lui parlandogli in perfetto greco. Vedete, quando mi arrabbio, parlo perfettamente greco ... Nel 1952, ho visitato il Monte Athos per la prima volta, molto brevemente. Anche in questo caso passò un anno per la mia seconda visita, ma quando avvenne ero arrabbiato perché tutto pareva deteriorarato e in condizioni fatiscenti. In seguito, è stato meraviglioso vedere il rinnovo dal vivo, quando vi sono ritornato. Ora è una grande gioia e una grande soddisfazione per me essere qui perché significa ridare fiducia alla natura umana rispettosa di Dio. 

Pemptousa: Qual'è stato il preciso motivo per cui avete dedicato la maggior parte della vostra vita allo studio della civiltà bizantina? 

Sir Steven Runciman: Mi ci hanno condotto vari motivi. Quando avevo 7-8 anni, ho iniziato a imparare il greco antico perché amavo la Grecia classica. Allo stesso tempo, ero piuttosto affascinato dal Medioevo e quasi nessuno era interessato alla Grecia medievale. Così ho deciso di fare dell'ellenismo medioevale il mio interesse principale: la Grecia, i vicini Stati balcanici e le Crociate, che furono totalmente distruttive, causando la devastazione dello Stato Romano d'Oriente e la sottomissione del Cristianesimo orientale. 

Pemptousa: Ha incontrato qualcuno, in particolare, che l'abbia aiutata a specializzarsi negli studi bizantini? 

Sir Steven Runciman: Quando ho iniziato i miei studi, il migliore bizantinista era il professor Bury, un accademico, il primo ad avere studiato la Grecia classica e Bisanzio. Ma era una persona solitaria e non voleva avere studenti. Inoltre, non gli piaceva essere costretto ad avermi come allievo. Ho faticato ad incontrarlo. L'ho incontrato per la prima volta nel suo ufficio a Cambridge. È stato il professore di storia più famoso che ha cercato fortemente di scoraggiarmi. Alla fine, mi ha detto che avrei perso il mio tempo a studiare l'Europa orientale e il Medio Evo, a meno di non conoscere le lingue slave. Fu così che imparai il russo. Alla fine, fu costretto ad accettarmi. Nonostante tutto ciò, non è stato sempre un facile approccio. A causa della sua vecchiaia e della debolezza, stava lontano dal suo studio universitario. Perciò gli mandavo a casa note e richieste scritte che, però, non raggiunsero mai le sue mani. Più tardi, qualcuno mi disse che la signora Bury credeva che suo marito non dovesse essere disturbato da tali cose e distrusse quanto gli avevo inviato. Nel corso del tempo, scoprì che ogni mattina passeggiava a Cambridge e mi aspettavo d'incontrarlo. Effettivamente, egli amava qualcuno che lo accompagnasse durante la sua passeggiata. Lo accompagnai con un taccuino per prendere appunti e chiedere cose pertinenti. In effetti, si trattava d'una mente intelligente e di grande conoscenza. Non aveva quasi mai bisogno di fare riferimento a testi e studi, perché sapeva sempre cosa dire. Se non ricordava o non sapeva, mi mandava la sua risposta scientifica dopo un certo tempo. Purtroppo, è stato il mio primo e unico tutore. Dopo un po' mi ammalai e lasciai Cambridge. Quando vi ritornai era già morto. Da allora ho dovuto occuparmi di tale argomento da solo. 

Pemptousa: Cosa conosce, oggi, l'europeo medio, di Bisanzio? 

Sir Steven Runciman: L'europeo medio inizia ad imparare maggiormente, poiché oggi ci sono alcuni bizantinisti. Ogni anno nel Regno Unito, organizziamo un convegno di studi bizantini con molti partecipanti interessati. Inoltre, nelle nostre università, gli studenti sono sempre più appassionati. Nel continente europeo, in Francia e Germania, ci sono sempre scuole coinvolte negli studi bizantini, con dei limiti, ma sono convinto che l'interesse è in crescita pure lì. In America esiste un istituto di ricerca molto "dotato", a Washington DC, a Dumbarton Oaks. Quest'istituto è stato fondato da una miliardaria americana, letteralmente "innamorata" della chiesa di Santa Sofia di Costantinopoli. Quando l'ho incontrata per la prima volta era moglie d'un ambasciatore americano. Più tardi, ci siamo incontrati a Londra ad un pranzo con i miei genitori. Mi chiese quale fosse la mia professione e le risposi "bizantinologo". Aggiunse che era una cosa che la interessava profondamente e aveva in programma di fondare quest'istituzione a Dumbarton Oaks. A causa di ciò, penso che durante la mia lunga vita, ho visto mutare la considerazione di Bisazio da un soggetto oscuro e quasi sconosciuto al punto che oggi, avendo così tanti studiosi, sono convinto che sia sempre più noto. 

Pemptousa: Come vedono la civiltà bizantina diverse persone d'Europa e d'America? 

Sir Steven Runciman: Per il momento, questa civiltà non ha troppo penetrato la coscienza. Ma ora, in varie università, tale argomento non è più ignorato o disprezzato. Piuttosto, si tratta di qualcosa di molto sviluppato, mentre ai miei tempi, era quasi sconosciuto. Questo risultato mi piace e mi incoraggia per il futuro. 

Pemptousa: Come reagiscono le persone con una prospettiva occidentale rispetto al Monte Athos? Come lo vedono? 

Sir Steven Runciman: Penso che per loro si tratta d'un luogo confuso e certamente le donne non capiscono praticamente nulla del Monte Athos. Naturalmente i visitatori che vi giungono si entusiasmano e ora avete il principe Carlo quale ammiratore, che vuole rimanere presso di voi [gli atoniti] e si sente felice. 

Pemptousa: Ecco perché è rimasto di recente a Vatopedi per tre notti. 

Sir Steven Runciman: Sì, ha sostenuto d'esser stato bloccato a causa del maltempo sul Monte Athos. Ma le cose furono molto diverse. Alle persone che lo attendevano sullo yacht che lo trasportò disse di aspettarlo a Thasos, perché aveva presumibilmente previsto una grande tempesta. E, in effetti, ha avuto una buona permanenza. 

Pemptousa: Cosa ne pensa della presenza dell'Ortodossia nell'Europa moderna? 

Sir Steven Runciman: A volte - come dirlo - mi sento molto deluso verso le altre Chiese d'Occidente. Tuttavia, sono felice di pensare che nei prossimi 100 anni, l'Ortodossia sarà l'unica Chiesa storica esistente. La Chiesa anglicana è in pessime condizioni. La Chiesa cattolica romana continua a perdere terreno. Ma, per fortuna, c'è la Chiesa ortodossa. Il numero crescente di persone che si aggiungono all'Ortodossia è impressionante, soprattutto in Gran Bretagna. Penso che [questa Chiesa] ha una vera spiritualità che altre Chiese non possono trasmettere. Tutto ciò mi porta a concludere che l'Ortodossia continuerà, a differenza di altri. 

Pemptousa: Cosa pensa che l'Ortodossia possa offrire all'Europa unita e in genere al mondo intero? 

Sir Steven Runciman: Direi che dubito molto che avremo un'Europa o un mondo unito. Ciononostante, penso che l'Ortodossia offre una splendida soluzione al problema dell'unità tra i popoli ortodossi perché, tanto per cominciare, non è influenzata dal nazionalismo. Ma anche perché, attraverso tali popoli, abbiamo visioni più ampie e più liberali rispetto alla Chiesa cattolica romana. Tutto ciò mi riempie di convinzione che l'Ortodossia ha un futuro certo e molto buono davanti a sé. 

Pemptousa: Quale figura bizantina ammira maggiormente e perché? 

Sir Steven Runciman: Questa è una domanda molto difficile ...! Sono interessato a tante personalità. Ma soprattutto, ammiro alcuni uomini religiosi. Complessivamente, le persone non spirituali ma significative di Bisanzio non sono generalmente degne di ammirazione; alcune di loro hanno certamente offerto qualcosa. Ma credo che alcuni valori spirituali sono più ammirevoli. Hanno offerto parecchie cose e dei servizi alla civiltà europea. 

Pemptousa: Nel monastero di Vatopedi, il celebre santo e grande difensore dell'ortodossia Gregorio Palamas, è divenuto monaco permanendo qui tre anni. La Chiesa e soprattutto i padri del Monte Athos l'ammirano molto e lo onorano. Che dice l'Occidente di lui? 

Sir Steven Runciman: C'è ancora un pregiudizio contro "i palamiti", coloro che accettano la sua teologia. Personalmente, trovo conforto nei suoi dogmi, nonostante il fatto che altri ne siano contrari. 

Pemptousa: Siete favorevole all'idea che (Hagia) Sophia [vale a dire la Basilica di Santa Sofia] venga nuovamente utilizzata nella Città (Istanbul) come luogo di culto ortodosso? 

Sir Steven Runciman: Mi piacerebbe, ma dubito che qualcosa di simile possa accadere. Ma mi renderebbe molto felice. 

Pemptousa: Cosa ne pensa della quintessenza dell'impero bizantino nel corso della sua lunga storia? 

Sir Steven Runciman: Penso che dovrei dare una risposta che richiede molto tempo. In breve, i Bizantini hanno sempre mantenuto, anche se in alcuni casi non lo hanno completamente raggiunto, un alto livello di spiritualità, e credo che questo è probabilmente la loro quintessenza più importante. Vorrei inoltre sottolineare che questo è uno Stato ampio e libero. Ad esempio, le missioni di Bisanzio in Europa hanno incoraggiato la pubblicazione di testi sacri nella lingua dei cristiani di recente formazione. Roma non avrebbe mai fatto una cosa del genere. Questa è una cosa, tra l'altro, che ammiro nei Bizantini. 

Pemptousa: Crediamo che il Monte Athos costituisca in generale la continuazione della tradizione bizantina. 

Sir Steven Runciman: Certamente. 

Pemptousa: E siamo molto soddisfatti dei progressi del monachesimo moderno sul Monte Athos. 

Sir Steven Runciman: È vero: il "risveglio" di questo luogo sacro giustifica le speranze di molti tra noi. Qui si sente bene cosa l'Ortodossia ha veramente significato per i governanti bizantini e la loro gente. In ogni caso, qui esiste c'è una rinascita. 

Pemptousa: Alcuni sostengono - e vorremmo il suo autorevole parere - che l'antica Grecia era una civiltà gloriosa e meravigliosa, senza dubbio, mentre la civiltà bizantina fu un periodo buio e ripugnante del Medioevo. Può dirci qualcosa al riguardo? 

Sir Steven Runciman: Mi sono sempre opposto a quest'atteggiamento! A Bisanzio ci fu una grande etica! Per quanto riguarda l'arte bizantina, non c'è quasi mai stata una corretta valutazione. Personalmente, penso che alcuni mosaici bizantini sono più importanti di tutte le antiche statue dell'età classica. C'è un sacco di frastuono sui marmi di Elgin. Ma questi non evocano in me tale ammirazione; io preferisco le antiche opere d'arte come, ad esempio, i "Kores". Non vorrei mai possedere delle statue di natura realistica, completamente umane. Sarei lieto se avessero una dimensione spirituale, come le creazioni bizantine (espressioniste) così eloquenti che sono uniche e quasi senza precedenti. Qualcosa è accaduto durante la mia vita: l'apprezzamento delle varie arti bizantine e la diminuzione di esclusiva attenzione alle arti del periodo d'oro di Atene. 

Pemptousa: Signore, la ringrazio molto per la sua gentile disponibilità ad intrattenersi con noi e speriamo che la santa Provvidenza le conceda ancora anni di vita, in modo che sia possibile passare la sua conoscenza a coloro che seguono il suo percorso che, a loro volta, riveleranno che la vita e il cuore di Bisanzio era ed è l'Ortodossia. 

Sir Steven Runciman: Sì. Naturalmente, ho 97 anni e non so se potrò ancora offrire qualcos'altro. Ma mi sento resuscitato dalla visita al Monte Athos. 

Pemptousa: Prima di terminare, una domanda finale: cosa ne pensa del coro di Vatopaidi? 

Sir Steven Runciman: Mi piace il loro canto. Si distingue per l'assenza di musica mondana, e crea in me una sensazione trascendente che dovrebbe esistere nella musica bizantina. 

Pemptousa: La ringraziamo ancora una volta per la fatica e la sua buona intenzione di parlarci in qualità di esperto in bizantinologia, e per il suo apprezzamento dell'Ortodossia quale quintessenza della brillante civiltà bizantina.

Nessun commento:

Posta un commento

Si prega di fare commenti appropriati al tema. Ogni commento irrispettoso o fuori tema non verrà pubblicato.