Benvenuto

Benvenuto su questo blog!

domenica 4 novembre 2018

Il "Bonifacio VIII" dell'Ortodossia?


«A volte, affrontiamo prove e tentazioni proprio perché alcune persone credono erroneamente di poter amare la Chiesa ortodossa, ma non il Patriarcato ecumenico, dimenticando che incarna l'autentico ethos ecclesiastico dell'ortodossia. "All'inizio era la Parola. . . in lui era la vita, e la vita era la luce degli uomini" (Gv 1, 1, 4) L'inizio della Chiesa ortodossa è il Patriarcato ecumenico; "Questa è la vita, e la vita è la luce delle Chiese". Il defunto Metropolita Kyrillos di Gortyna e Arcadia, un amato Gerarca della Chiesa Madre e un amico personale, ha giustamente sottolineato che "l'Ortodossia non può esistere senza il Patriarcato Ecumenico» .
- Patriarca ecumenico Bartolomeo, 1 settembre 2018

Queste parole, pronunciate dal Patriarca Bartolomeo davanti alla Sinassi dei Vescovi del Patriarcato ecumenico il 1 ° settembre, rappresentano una serie di affermazioni coraggiose:
  • Per amare la Chiesa ortodossa, bisogna amare il Patriarcato ecumenico.
  • La Chiesa ortodossa è il Patriarcato ecumenico.
  • Il Patriarcato ecumenico è per la Chiesa ciò che Cristo è per l'umanità: la fonte della vita e della luce.
  • L'ortodossia non può esistere senza il Patriarcato ecumenico.
Come si possono valutare queste affermazioni? In primo luogo, si potrebbe osservare che il Patriarcato ecumenico non esisteva per i primi tre secoli della Chiesa. Sotto questo aspetto, quindi, le affermazioni del Patriarca non possono essere applicate assolutamente, per tutti i tempi.
Ma forse il Patriarca Bartolomeo ha inteso queste affermazioni al periodo successivo all'istituzione del Patriarcato ecumenico - il periodo in cui il suo status elevato è stato saldamente stabilito dai Concili ecumenici. È vero che, dal suo insediamento nel IV secolo, il Patriarcato ecumenico è stato l'inizio della Chiesa ortodossa, la "vita" e la "luce" della Chiesa, e il presupposto necessario per l'esistenza dell'Ortodossia?
Ancora una volta, le prove storiche sembrano contraddire queste affermazioni. Dal 339 all'843, l'ufficio del Patriarca ecumenico fu detenuto da un eretico in 202 su 504 anni - cioè il 40% delle volte. Ciò comprendeva lunghi periodi di tempo in cui nessun vescovo ortodosso occupava la sede di Costantinopoli:
  • Patriarchi ariani dal 339-380 (37 anni)
  • Patriarchi monoteliti del 610-666 (56 anni, tutti condannati nel sesto Concilio Ecumenico)
  • Patriarchi iconoclasti dal 730-780 (50 anni) e di nuovo dall'815-843 (28 anni)
Inoltre, naturalmente, ci fu il Patriarca Nestorio - condannato dal Quarto Concilio Ecumenico - e altri tre patriarchi che hanno respinto quel Concilio Ecumenico.
Dopo la definitiva sconfitta dell'iconoclastia nel IX secolo, i Patriarchi ecumenici furono coerentemente ortodossi per molti anni. Forse ora si può affermare che "l'Ortodossia non può esistere senza il Patriarcato Ecumenico"?
No. Per diversi anni nel 13° secolo, e per più di un decennio prima della caduta di Costantinopoli nel 1453, il trono ecumenico fu occupato da patriarchi che capitolarono al cattolicesimo romano e abbracciarono l'Unia. Infatti, mentre alcune persone hanno recentemente notificato il fatto che la Chiesa di Russia si è dichiarata autocefala senza l'autorizzazione di Costantinopoli nel 1448, dobbiamo ricordare che nel 1448 la Chiesa di Costantinopoli non era, di fatto, ortodossa, perché aveva accettato l'unione con Roma, alle condizioni di Roma.
In quale periodo, quindi, si applica la rivendicazione, che "l'Ortodossia non può esistere senza il Patriarcato Ecumenico"? Certamente non ai primi quindici secoli di storia della Chiesa. Ma è difficile immaginare che il patriarca Bartolomeo abbia inteso questa affermazione radicale da applicarsi solo agli ultimi 500 anni circa. Una lettura onesta della storia della Chiesa ci costringe a concludere che l'affermazione del Patriarca è falsa: l' Ortodossia può esistere, e a volte è esistita, senza il Patriarcato Ecumenico.
Inoltre, il ruolo del Patriarcato ecumenico si basa sul ruolo ricoperto dalla Chiesa di Roma. Questo ruolo di Roma è direttamente citato nei canoni chiave che riguardano il ruolo di Costantinopoli, in particolare il tanto discusso Canone 28 di Calcedonia. Nessuno contesta che, prima del Grande Scisma, la Chiesa di Roma fosse un primus tra le Chiese. Se non possiamo dire "l'Ortodossia non può esistere senza la Chiesa di Roma", come possiamo allora fare la stessa affermazione sul Patriarcato ecumenico? Costantinopoli è più grande di Roma prima dello scisma? Ha altre prerogative, ancora più preminenza? Certamente, nessuno associato al Patriarcato ecumenico potrebbe ragionevolmente formulare una simile cosa. Ne consegue, quindi, che, poiché l'Ortodossia ha dimostrato che può esistere senza Roma, l'Ortodossia può anche esistere senza Costantinopoli.
Allo stesso modo, il Patriarcato ecumenico non può essere definito l'indispensabile "inizio della Chiesa ortodossa". La Chiesa ha da tempo preceduto il Patriarcato ecumenico. Non in senso teologico, per l'inizio della Chiesa è necessaria una particolare sede episcopale, ma piuttosto è Cristo, che è nato dal Padre prima di tutti i tempi, e che ha mandato lo Spirito Santo a stabilire la Chiesa nel giorno di Pentecoste. Tutto il potere e l'autorità appartengono a Cristo (Mt 28,18), ed è solo attraverso Cristo che ogni vescovo porta la grazia dello Spirito Santo e può agire con autorità nella Chiesa.
Oltre l'inesattezza fattuale della pretesa che il Patriarcato ecumenico è l'inizio della Chiesa ortodossa, è particolarmente preoccupante che il Patriarca Bartolomeo abbia identificato il Patriarcato ecumenico con il Logos increato, Gesù Cristo:
"All'inizio era la Parola. . . in lui c'era la vita, e la vita era la luce degli uomini. "La Chiesa ortodossa è il Patriarcato ecumenico; "In questa è la vita, e la vita è la luce delle Chiese".
Qui, il Patriarca afferma che il Patriarcato ecumenico è per la Chiesa ortodossa (il vero corpo di Cristo!) ciò che il Logos divino è per l'umanità. Mai prima d'ora una tale visione di primato è stata asserita - nemmeno dai Papi di Roma nelle loro più audaci dichiarazioni di supremazia papale [*].
Tuttavia, in questa audace affermazione, possiamo vedere le fondamenta per le altre affermazioni del Patriarca Bartolomeo - che non si può amare l'Ortodossia senza amare il Patriarcato ecumenico, che il Patriarcato ecumenico è l'inizio della Chiesa, che l'Ortodossia non può esistere senza il Patriarcato ecumenico. Se, infatti, il Patriarcato ecumenico è il logos divino della Chiesa, allora, naturalmente, è sia un inizio che una necessità esistenziale.
Ma come possiamo, da cristiani, riconoscere un uomo qualunque, o un gruppo di uomini, in possesso di un rango così alto, uguale a quello di Dio stesso? Come può qualcuno se non il vero Logos essere "vita" e "luce delle Chiese"? Ecco, dunque, l'apoteosi delle affermazioni di Costantinopoli: ha in qualche modo osato identificarsi con Cristo! [**] Ma noi abbiamo il Cristo attuale, che è in mezzo a noi e non ha mai abbandonato la sua Chiesa. Tutti noi, incluso il Patriarcato ecumenico, dipendiamo da Cristo per la vita e la luce.
Facciamo, quindi, glorificare non un uomo o una visione di cose, ma il Signore stesso, l'unico senza cui l'Ortodossia non può esistere, l'unica vera vita e luce della Chiesa e di tutta l'umanità, a cui è tutto lode, onore e gloria.

Tradotto da qui da cui è stata presa l'immagine.

___________

[*] Quest'incredibile affermazione spiega perché Bartolomeo si senta abilitato a compiere azioni senza sentire alcuno ma è indice di una considerazione di se stessi assolutamente esagerata. Da tempo, bisogna aggiungere, era stata progettata nel Patriarcato Ecumenico quest'estrema enfatizzazione del primus nella Chiesa. Anni fa, in un convegno cattolico-ortodosso sul primato del papa, i teologi cattolici erano rimasti stupiti di come il metropolita Zizioulas del Patriarcato Ecumenico avesse accostato l'idea del primus nella Chiesa alla funzione del Padre nella Trinità. "A nessuno di noi è mai venuta quest'idea", essi dissero. Zizioulas pur di esaltare il ruolo del primus si era spinto ben oltre alla posizione cattolica permettendosi di fare un'analogia intratrinitaria mentre il Nuovo Testamento, nelle lettere paoline, si ferma unicamente al rapporto tra il Cristo storico e la Chiesa, rapporto tradizionale che è stato conservato per moltissimo tempo ovunque. Spingersi nella metastoria illudendosi di "ficcare il naso nella Trinità" con astratte considerazioni, come direbbe san Gregorio di Nazianzo, è qualcosa d'inaudito, antitradizionale e condannato dai padri stessi ma possibile a Zizioulas nel suo estremo tentativo di porre il primus al di sopra di tutto. Quest'esaltazione parossistica e narcisistica della funzione primaziale nella Chiesa trova i suoi ultimi coerenti riscontri nelle recenti azioni e dichiarazioni patriarcali. N.d.t.
[**] "[...] Il problema principale è la rivendicazione del Patriarcato ecumenico che è una fonte di ordine, vita, ortodossia .... qualunque cosa, per il resto della Chiesa. L'affermazione sembra essere che il Patriarca ecumenico è in qualche modo l'essenza e l'inizio della Chiesa nel modo in cui Adamo è l'inizio della razza umana o il Padre la fonte della Trinità. Questo sta mettendo un uomo al posto di Dio. L'essenza formativa, la vita e l'armonia della Chiesa non risiedono nell'uomo, ma nei sacramenti. Lo Spirito Santo a Pentecoste ha dato alla luce la Chiesa, l'uomo-Dio Cristo è la sua essenza e la divinizzazione nel Padre la sua fine. Per tutte le cose nella Chiesa, Cristo è l'alfa e l'omega, in Lui tutte le cose hanno il loro inizio. Egli ordina tutte le cose secondo la Sua volontà, e in Lui tutte le cose sono riunite in una sola per essere consegnate al Padre". Vedi qui.


2 commenti:

  1. I lettori mi scusino per questa serie di post ma le bugie, soprattutto dette dai preti, mi irritano molto!

    RispondiElimina
  2. Stralcio da un'omelia del patriarca ecumenico tenuta il 4/11/2018
    "... Mosca dovrebbe ammettere che il popolo ucraino, che in un modo non ortodosso è stato per alcuni anni nella sua giurisdizione o nella sua amministrazione per motivi di rigorosa applicazione canonica, un popolo di quasi cinquanta milioni ha diritto alla sua indipendenza ecclesiastica, alla sua autocefalia, e la Chiesa Madre ha voluto amorevolmente e affettuosamente guarire lo scisma lì creato, non per sua colpa, ma per per ripristinare i nostri fratelli ucraini ortodossi alla canonicità e alla comunione con tutte le Chiese ortodosse ".
    http://fanarion.blogspot.com/2018/11/blog-post_4.html
    --------------

    "il popolo ucraino in modo non ortodosso è stato per alcuni anni sotto la giurisdizione russa???".
    Questo significa negare la realtà e spacciare pacchiane menzogne!

    "lo scisma creato non per sua colpa"... allora per colpa di chi?

    Qui prima di tutto la logica è andata a farsi benedire...

    RispondiElimina

Si prega di fare commenti appropriati al tema. Ogni commento irrispettoso o fuori tema non verrà pubblicato.